Tag: Nilla Pizzi

Total 2 Posts

Canzone: Vivere Baciandoti

Canzone: Vivere baciandoti
di Nilla Pizzi
Difficoltà: beginner
Tempi: presente, gerundio

Buy this song:
On iTunes
On Amazon

di Claudio Villa:
On iTunes
On Amazon

Another request by Franco!

Download the Study Sheet

Nilla Pizzi

Claudio Villa

più grande del mio amore
un altro non c’è
tu vivi nel mio cuore
sei tutto per me
felice e innamorato
il mondo scordar vorrei con te
sognando, vivendo di te

con te ma vivere baciandoti
con te ma follemente stringerti
il mio respir con il tuo respir, poter confondere
e del tuo cuor qui sul mio cuor sentire i palpiti

con te ma vivere baciandoti
con te e non lasciarti più
perché l’amore mio sei tu
e cerco nei tuoi baci la vita per me

perché l’amore mio sei tu
e cerco nei tuoi baci la vita per me
più grande del mio amore
un altro non c’è

Canzone: Papaveri e Papere

Canzone: Papaveri e Papere
di Nilla Pizzi
Difficoltà: intermedio
Tempi: presente, passato remoto, gerundio, passato prossimo, futuro

Buy this song:
On iTunes
On Amazon

Download the Study Sheet

Su un campo di grano che dirvi non so,
un dì Paperina col babbo passò
e vide degl’alti papaveri al sole brillar,
e lì s’incantò.
La papera al papero chiese: “Papà,
pappare i papaveri, come si fa?”
“Perché vuoi pappare i papaveri?” disse papà.
E aggiunse poi, beccando l’insalata:
“Che cosa ci vuoi far… così è la vita.”

“Lo sai che i papaveri son alti, alti, alti,
e tu sei piccolina, e tu sei piccolina.
Lo sai che i papaveri son alti, alti, alti,
sei nata paperina, che cosa ci vuoi far…”

Vicino a un ruscello che dirvi non so,
un giorno un papavero in acqua guardò,
e vide la piccola papera bionda giocar,
e lì s’incantò.
Papavero disse alla mamma: «Mammà,
pigliare una papera, come si fa?»
‹Non puoi tu pigliare una papera›, disse mammà.
‹Se tu da lei ti lasci impaperare,
il mondo intero non potrà più dire:›

‟Lo sai che i papaveri son alti, alti, alti,
e tu sei piccolina, e tu sei piccolina.
Lo sai che i papaveri son alti, alti, alti,
sei nata paperina, che cosa ci vuoi far…”

E un giorno di maggio che dirvi non so,
avvenne poi quello che ognuno pensò:
Papavero attese la papera al chiaro lunar,
e poi la sposò.
Ma questo romanzo ben poco durò;
poi venne la falce che il grano tagliò,
e un colpo di vento i papaveri in alto portò.
Così Papaverino se n’è andato,
lasciando Paperina impaperata.

‟Lo sai che i papaveri son alti, alti, alti,
e tu sei piccolina, e tu sei piccolina.
Lo sai che i papaveri son alti, alti, alti,
sei nata paperina, che cosa ci vuoi far…”

‟Lo sai che i papaveri son alti, alti, alti,
e tu sei piccolina, e tu sei piccolina.
Lo sai che i papaveri son alti, alti, alti,
sei nata paperina, che cosa ci vuoi far…”

Che cosa ci vuoi far…